×
books on the shelf photograph

Ormai lo so da un paio di settimane, ma a volte faccio ancora fatica a crederci: ho vinto un concorso letterario! Avevo già provato a partecipare quando ero al liceo, ma non avevo vinto e questo aveva posto un bel freno a ogni mia velleità di scrittura. Di recente ho deciso di partecipare al concorso “Racconti dal Veneto”, indetto da Historica Edizioni. Beh, mi hanno accettata!

Quando la vita (o la tua testa) ti lanciano segnali

Erano anni che avevo il tarlo di riprovare a partecipare a un concorso letterario, ma dopo il fallimento subito alle superiori non ne avevo più avuto il coraggio. Perché avrebbero dovuto premiare proprio me? Ricordo perfettamente la sensazione che provavo e che provo tutt’ora: non sono male nella scrittura, ma ci sono talenti infinitamente migliori del mio, quindi perché provarci? Periodicamente, però, vedevo comparire sulla mia bacheca di Facebook il concorso di Historica Edizioni, che viene fatto una o due volte l’anno. La partecipazione era gratuita, il solo limite era il numero massimo di battiture, potevo consegnare qualsiasi genere io volessi e, se mi avessero presa, avrei avuto un racconto pubblicato. Niente primi classificati, almeno che io sappia, niente premi in denaro, niente obbligo di acquisto di libri (anche se non ricevi copie della raccolta in regalo. Se vuoi avere una copia del libro in cui è scritto il tuo racconto te la devi comprare). Una cosa che per me, insicura cronica, era più che gestibile come primo passo e come modo di mettere a tacere la mia mente ossessionata dall’idea di scrivere. Così ho deciso di riesumare un racconto che prendeva la polvere da un anno, l’ho editato e l’ho spedito.

Le mie sensazioni

Lo shock è stato enorme quando ho visto l’e-mail in cui mi dicevano che ero stata accettata. Credetemi, di shock emotivi ne so qualcosa. Ho passato una giornata intera a prendere confidenza con l’idea che avevo vinto un concorso letterario, che avrei visto un mio racconto pubblicato in un libro sotto l’egida di una casa editrice. Di fatto, per quanto sia minuscola all’interno di questa realtà così vasta che è la letteratura mondiale, posso ufficialmente dire di essere una scrittrice.

Ora rimane solo la grande domanda che ci si pone di fronte a un obiettivo raggiunto: e adesso?

Adesso, beh, ho la mia famiglia e i miei amici che hanno già dato la risposta a questa domanda, scavalcando il mio spavento e il mio disorientamento: adesso scrivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Autore

angela.carraro88@gmail.com

Articoli correlati

assorted donuts top of white area

Diario di una dieta

Ho notato una cosa. I grossi cambiamenti avvengono spesso verso i 40 anni. Oppure verso i 30. Chi lo sa, magari succederà...

Leggere tutti
person holding book sitting on brown surface

La Giornata Mondiale del Libro

Ho scoperto per puro caso che oggi è la Giornata Mondiale del Libro. Una gran bella scoperta, per chi vorrebbe fare la...

Leggere tutti
silhouette of road signage during golden hour

Blog e altre storie

Internet. Il grande marasma. Covo di informazioni scritte male, di fake news, ma anche portale per cose che vale davvero la pena...

Leggere tutti
La signora della scogliera

La signora della scogliera: il blocco dello scrittore

Ritorno a parlare di La signora della scogliera, che ho letto ormai diverse settimane fa su Topolino. In quella storia sono stati...

Leggere tutti
grayscale photo of woman right hand on glass

Del dolore…

Il “mi dispiace” è il pronto soccorso delle emozioni umane. È quello che dici quando rovesci una tazza di caffè, o mandi...

Leggere tutti
person using computer on brown wooden table

Di prospettive future e tono di voce

Ho già detto a più riprese che la costanza non è il mio forte, però voglio provare lo stesso a essere più...

Leggere tutti